Il punto sulle novità della specialità Precision dal seminario di Orlando 2019

roller dream argentina gabriela montecchiari

Il seminario di Orlando ha acceso nuovi ed interessanti dibattiti. Ispirati dalla convivialità delle varie specialità del pattinaggio a rotelle abbiamo iniziato (e abbiamo in programmazione) varie interviste ad allenatori e giudici che ci permetteranno di ampliare le conoscenze e la sensibilità al nuovo sistema di valutazione Rollart.

Dal punto di vista tecnico, per gli allenatori, è un nuovo modo di approcciarsi al metodo di allenamento, alle tecniche di insegnamento, alla formazione completa dei futuri e attuali pattinatori.

Fondamentale secondo noi sarà la condivisione di metodi, esperienze ed esperimenti di pista. Siamo entusiasti dei seminari che la World Skate sta proponendo con i numerosi Workshop che aiutano lo scambio di idee tra operatori, per questo ecco oggi che vi presentiamo una nota sul punto della specialità Precision scritta da Gabriela Montecchiari della scuola argentina del Roller Dreams, uno specchio sulla realtà dell’evoluzione della scuola mondiale del roller skating.

ANDIAMO NELLA DIREZIONE GIUSTA

Per tutti coloro che amano il pattinaggio e in particolare la categoria Precision, il seminario di Orlando è stata un’esperienza indimenticabile. Non solo è stato un ulteriore step nel comprendere i nuovi regolamenti ma è stata anche una riconferma della convinzione di andare nella giusta direzione.

Si è lavorato sui nuovi elementi introdotti quest’anno, soprattutto sugli elementi di pivoting, inclusi sia nel regolamento dei gruppi senior che in quello dei gruppi junior. Allo stesso tempo si è tornati anche su quegli elementi che erano già presenti nel vecchio regolamento approfondendo alcune caratteristiche dell’elemento cerchio, i cambi nell’elemento no-hold e l’elemento creativo, che in un certo senso ha preso il posto dello stop coreografico. Un’altra novità presentata sono stati i giri durante le intersezioni e la nuovissima “intersezione creativa”, che darà sicuramente modo di creare  formazioni ed esecuzioni davvero innovative.

Il seminario ha poi rappresentato l’inizio dell’ Accademia degli allenatori di World Skate (Internacional Artistic Coaches School), per la quale sono subito state svolte alcune lezioni di livello base.

Mi ha reso molto felice poter chiacchierare e complimentarmi con colleghi e amici del Campionato del Mondo e mi ha molto entusiasmato constatare che ci sono nuove nazioni interessate alla disciplina del Precision: accanto a me c’erano infatti allenatori, tra gli altri, della Colombia, di Israele, della Nuova Zelanda, dell’Inghilterra, degli Stati Uniti e del Portogallo.

Per quanto riguarda i giudici, invece, in questa occasione si sono tenuti i primi esami per il Pannello Tecnico, e dopo un grande lavoro da parte dei candidati, oggi possiamo affermare con orgoglio che la categoria Precision a livello mondiale ha già una nuova Technical Specialist e due Controller.

C’è stato un grande lavoro da parte di tutti nell’apprendere questa disciplina, quella che più di tutte è cambiata dopo l’adozione del regolamento Rollart.

 

Voglio dire un immenso GRAZIE a World Skate per aver riposto fiducia in me, a Nicola Genchi e Annick Taverniers per il supporto e a Elmar Obermaier che con grande generosità mi ha insegnato moltissime cose e dissipato tutti i miei dubbi perchè io possa trasmettere anche ai miei colleghi tutto ciò che ho imparato per poter crescere in questa disciplina tutti insieme.

Il mio più grande desiderio è quello di poter lavorare tutti insieme per portare il Precision a un alto livello e di poter vedere sempre più squadre a popolare questa meravigliosa disciplina. Perchè anche se ci incontriamo per una competizione, al di là del risultato, quello che rimane sono i bellissimi momenti condivisi che riuniscono persone da tutto il mondo.

Grazie a tutti coloro che mi hanno accompagnato e aiutato in questa esperienza e affiancato durante il mio percorso nel Precision, e a Skatingidea per l’appoggio che mi ha sempre dimostrato.

Gabriela Montecchiari

VAMOS POR EL CAMINO CORRECTO

Para quienes amamos el patinaje y especialmente la precisión, el Seminario de Orlando ha sido una experiencia inolvidable.

Un paso más en el aprendizaje de las nuevas reglas, con la convicción de estar en el camino correcto.

Por un lado se trabajó en los elementos nuevos para este año, dentro de los cuales se destacan los elementos pivoting, que se incluyeron este año tanto para Junior como para Senior. También los cambios en los elementos ya existentes como algunas features para círculo rotacional, varios cambios en el elemento sin agarre y el elemento creativo, que en cierta medida reemplaza a la parada coreográfica. Otra novedad son los giros dentro de las intersecciones y la nueva variedad de intersección denominada intersección creativa, que seguramente dará lugar a formaciones o ejecuciones muy novedosas.

Por otro lado fue el inicio de la Academia de entrenadores de la World Skate (Internacional Artistic Coaches School), para lo cual se hicieron clases específicas para iniciar la actividad desde nivel básico.

Me dio mucha felicidad poder compartir charlas y apreciaciones con colegas amigos de los Campeonatos Mundiales, y también ver a nuevos países interesados en la precisión, ya que hubo entrenadores de Colombia, Israel, Nueva Zelanda, Inglaterra, Estados Unidos y Portugal entre otros.

En cuanto al juzgamiento, se tomaron los primeros exámenes para Panel Técnico, y después de un arduo trabajo por parte de los postulantes, hoy podemos decir con orgullo que la precisión mundial ya tiene una nueva Especialista Técnica y dos Controladores. Gran trabajo de todos en el aprendizaje de esta disciplina que es la que más ha cambiado para adaptarse al Rollart.

De mi parte un GRACIAS gigante para la World Skate por confiar en mí. A Nicola Genchi y Annick Taverniers por el apoyo, y a Elmar Obermaier quien con muchísima generosidad me ha apuntalado y enseñado para que pueda ayudar a mis colegas a despejar dudas para seguir creciendo juntos.

Mi mayor deseo es que todos unidos podamos trabajar para llevar a la Precisión a un gran nivel y que podamos contar con nuevos equipos que nutran la disciplina con sus presencias. Porque si bien nos reúne una competencia, más allá de los resultados están los hermosos momentos compartidos y los lazos que se generan con personas de todo el mundo.

Gracias a todos los que me ayudaron y acompañaron en este camino de la  Precisión y a Skatingidea por el apoyo de siempre.

Saludos desde Argentina

Gabriela Montecchiari

Tags:

  • Show Comments

Rispondi

You May Also Like