Intervista alla coppia artistico Laurenzi – Vico, il racconto di un sogno che si realizza.

A Roccaraso 2013 ci hanno fatto vivere uno dei più bei momenti del pattinaggio italiano, vi consigliamo di andare a vedere il video del loro long program sulla  pagina ufficiale Facebook per rivivere attimi stupendi di una coppia, in particolare di un percorso sportivo, quello di Andrea, fatto di grandi sacrifici e sogni.  Classe ’88 per lui e ’98 per la giovane Federica, un percorso sudato e voluto che li ha portati a vivere il sogno più grande di ogni atleta: il campionato del mondo.  Ecco l’intervista:

Quando sei nato e dove vivi?
• Federica: Sono nata il 10/03/1998 e vivo a Viterbo dove ho pattinato per nove anni; All’eta’ di 13 anni ho cambiato società ed ho iniziato a pattinare ad Anguillara Sabazia (Rm);
• Andrea: sono nato il 4 marzo del 1988, vivo e mi alleno da sempre ad Anguillara Sabazia (Rm).

Cosa fai nella vita oltre che pattinare?
Federica: Nella vita oltre che pattinare, studio: frequento il liceo linguistico a Viterbo e sono al secondo anno; Quello che cerco di fare è conciliare lo studio con il pattinaggio; Per ora sono sempre riuscita a pattinare molto e a prendere bei voti, studiando sì per poco tempo, ma con tanta concentrazione;
• Andrea: Potrei invertire la domanda…. Oltre che lavorare che fai? Pattino… a parte gli scherzi… nella vita, sono un fisioterapista, quindi la cosa più importante e gratificante per me è il mio lavoro.

Interessi particolari?
• Federica: I miei interessi principali sono: pattinare, perché è la mia passione, ma anche farlo in un ambiente in cui mi trovo bene come quello della mia Società; Stare con la mia famiglia, i miei parenti e con le mie amiche; Altro mio interesse è studiare (anche se a volte manca la voglia) per poter trovare in futuro un buon lavoro anche al di fuori del pattinaggio;
• Andrea: I miei interessi principali, sono le uscite con gli amici e la mia ragazza, quando si è troppo caricati dalle pressioni e dallo stress non c’è cosa più bella che condividere i momenti di stacco con le persone più care.

Quando hai iniziato a pattinare, come nasce la passione?
• Federica: Ho iniziato a pattinare all’età di 4 anni, e la passione per questo sport è nata un giorno passando davanti ad una pista di pattinaggio ho visto alcuni bambini che si stavano allenando ed ho voluto provare a mettere i pattini; Mi è piaciuto talmente tanto “volare” su quelle rotelle, che non me le sono più tolte…..
• Andrea: Ho iniziato a pattinare all’età di 5 anni, ho la fortuna di avere una mamma insegnante di educazione fisica e lo sport è stato sempre la colonna portante della mia vita. Fino a 7 anni praticavo tre sport, pattinaggio, nuoto e calcio, poi con il tempo pieno a scuola ho dovuto prendere una decisione, ho optato per il primo in quanto il nuoto era veramente noioso, il calcio lo trovavo poco serio come sport e sostenuto dai miei ho scelto il pattinaggio.

RA4_9311

Quanto ti alleni e dove con chi? com’è la tua giornata tipica sotto gara?
• Federica: Mi alleno al palazzetto dello Skating Club Anguillara con la mia allenatrice Valeria Fabiani; Generalmente sotto campionato arrivo in pista alle 16,30 e rimango sino alle 21/21,30; Anche se ogni tanto tra un allenamento e l’altro trovo del tempo per lo studio; La mia giornata tipica sotto gara inizia con la sveglia alle 7,10, vado a scuola, quando torno pranzo e cerco di studiare il più possibile; Verso le 15,30 in genere parto per andare in pista, per arrivare intorno alle 16,30, perché venendo da Viterbo ho circa 1 ora di viaggio; Arrivata in pista inizio subito il mio allenamento di singolo; Finito questo se devo finire di studiare, studio sino a che non arriva il mio partner Andrea per iniziare l’allenamento di coppia con lui; Una volta terminato faccio qualche allungamento prima di “reimbarcarmi” per la strada di casa; Arrivata a casa ceno di fretta, doccia e poi…. letto !!!
• Andrea: Generalmente mi alleno 3 volte a settimana quando non sono sotto gara, più o meno un’ora e mezza ad allenamento. Mi alleno con la mia allenatrice Valeria Fabiani ad Anguillara nella mia società Skating Club Anguillara. Sotto gara gli allenamenti sono più intensi, ma condizionati comunque dal lavoro. La sveglia è alle 6 e mezza, per aprire lo studio alle 8, la mattina il lavoro è concentrato nel mio studio di fisioterapia. All’ora di pranzo chiudo ed inizia l’attività lavorativa pomeridiana, lavoro con un’azienda che tratta a domicilio pazienti malati di sla e bambini con patologie neurologiche gravi. Alle 19 finalmente sono a casa, tempo di prendere le cose e corro in pista ad allenarmi fino alle 21. E poi……. Letto…….

Che effetto fa la parola “mondiale” per te? impressioni emozioni…
• Federica: Il “Mondiale” è sempre stato il mio sogno fin da piccola, quindi sentire questa parola suscita in me una felicità ed una emozione indescrivibile; A volte mi sembra di essere in un sogno; Ovviamente essendo un campionato del mondo, si sente un po’ di tensione, ma io non vedo l’ora di essere lì per condividere questa magnifica esperienza con il mio partner, la mia allenatrice Valeria, la mia famiglia e tutte le persone che seguiranno da casa;
• Andrea: Sicuramente il mondiale è il sogno di una vita per ogni atleta. Smisi di pattinare durante i tre anni universitari, ma sentivo di aver lasciato qualcosa di incompiuto nella mia vita, dopo aver dato tanto a questo sport ancora non ero riuscito a fare un mondiale. Dopo aver cambiato una decina di partner nella mia carriera, finalmente è arrivata nel momento giusto, la persona che ha reso possibile il mio sogno, la mia partner attuale Federica Vico.

Quanto conta nella creazione del tuo programma libero o short la parte artistica?
• Federica: Ora che sono cresciuta ho capito che la parte artistica conta moltissimo, forse ancora più di quella tecnica; Poiché ancora un po’ inesperta in questo campo, quest’anno ho lavorato tantissimo sulla parte coreografica dei miei programmi, sia di singolo che di coppia; Con la coppia abbiamo avuto la magnifica opportunità di lavorare con il coreografo Giuseppe Arena, che ci ha fatto la direzione artistica di tutti e due i programmi di gara; Rispetto agli anni passati si sono visti molti progressi, ma c’è ancora molto da migliorare !
• Andrea: La parte artistica è stata sempre la mia sfida più grande ed impegnativa. Quest’anno abbiamo deciso di lavorare per la direzione artistica con il coreografo Giuseppe Arena e finalmente sono riuscito un po’ a “sgrezzare” quello che era il mio punto debole… c’è ancora da lavorare, ma la strada è quella giusta.

Schermata 2013-11-04 alle 11.56.48

Hai mai pensato di passare al ghiaccio?
• Federica: Devo essere sincera, ma non ho mai pensato di passare al ghiaccio. Perché ?? Be’ innanzitutto ho una grande passione per le rotelle e non per le lame, e poi sul ghiaccio l’attività diventerebbe un vero e proprio lavoro, mentre io vorrei trovare un buon lavoro anche al di fuori del pattinaggio;
• Andrea: Non ho mai pensato di passare al ghiaccio, quello sarebbe un vero e proprio lavoro, io ho già il mio ed è perfetto così…

Qual’è il tuo futuro in pista e…. fuori!
• Federica: Per quanto riguarda il mio futuro in pista, dopo questo mondiale, dove cercherò di dare il massimo di me stessa, ho intenzione di continuare ad allenarmi e migliorare sempre di più; Anche negli anni a venire mirerò ad un mondiale, ma non solo di coppia, anche di singolo !! Una volta terminata la mia carriera di atleta mi piacerebbe aiutare la mia allenatrice nella Società; Per il mio futuro al di fuori, non ho ancora le idee ben chiare….. una cosa è certa, vorrei trovare un lavoro riguardante le lingue !
• Andrea: Il mio futuro in pista è quello di continuare a pattinare, poi dal momento che smetterò, continuerò sicuramente ad aiutare la mia allenatrice e portare avanti la coppia artistico nella mia Società e se sarà possibile anche nella regione. Fuori dalla pista, spero di riuscire a specializzarmi ancora di più nel mio lavoro e creare una famiglia con la mia compagna.

Hai dei riferimenti? il tuo pattinatore idolo?
• Federica: Si, il mio riferimento è la mia allenatrice Valeria, per quanto riguarda il pattinatore idolo, forse e’ meglio dire i pattinatori idoli: la prima è Erika Boi, ormai una ex atleta della mia allenatrice; Secondo me più bella e brava di lei in pista non lo è stato nessuno, ha una personalità e uno stile straordinari !! Altro idolo è Andrea Laurenzi, il mio partner ! Lui è una persona fortissima…me lo ha dimostrato diverse volte, come quando lo scorso anno in occasione dei campionati Italiani di Roccaraso abbiamo gareggiato dopo 4 giorni che si era tolto il gesso per una frattura ad una mano ! Qualsiasi cosa succeda, so che mi posso fidare di lui !!
• Andrea: I miei riferimenti sono la mia famiglia e la mia società, sicuramente guardo molto mia madre e spero di riuscire ad essere forte e leale come lei nella vita. Nel pattinaggio il mio idolo… Me stesso, sono una persona con molta autostima e penso che uno deve credere in primis solo nelle proprie potenzialità e portare avanti quello che crede con tenacia e convinzione. Gli idoli come atleti devono essere anche dei grandi uomini nella vita e per me io lo sono, quindi perché guardare oltre?!?!

Quanto conta la “testa” per eccellere nello sport?
• Federica: La testa conta tantissimo per eccellere nello sport, la testa è l’80% della riuscita di un atleta ! Anche su questo punto di vista ho lavorato e sto lavorando molto, ed ho capito che “volere e’ potere” !
• Andrea: La testa è la cosa fondamentale nello sport, come ho già detto non ho molto tempo per allenarmi, fortunatamente ho una buona struttura fisica costruita negli anni e una buona tecnica che cerco di mantenere, poi il resto è fatto da forza di volontà e concentrazione.

Chi eccelle nello sport è preparato a superare le difficoltà della vita?
• Federica: Secondo me chi eccelle in uno sport come il pattinaggio e’ più preparato alle difficoltà della vita, perché è abituato e pronto alle sfide alle difficoltà e ad “andare avanti” qualsiasi cosa accada…..
• Andrea: Chi eccelle nelle sport è più preparato ad affrontare la vita, perché riesce ad affrontare meglio le pressioni e soprattutto, quando ti alleni molto devi saper gestire, sfruttare ed ottimizzare il tuo tempo, lo sport aiuta a gestire la tua vita ad essere una persona attiva e piena di interessi.

Volevamo ringraziare Skatingidea per la splendida opportunità che ci ha offerto con questa intervista, questo per noi è stato sinora un anno intenso e pieno di preziose collaborazioni, ed è per questo che desideriamo ringraziare di cuore ancora una volta Valeria Fabiani, il coreografo Giuseppe Arena, Maria Rita Zenobi supervisore che collabora con la nostra società per il settore coppie artistico, e per concludere, ma non per ultimo il Presidente della ASD Skating Club Anguillara Sig. Marco Spinaci, grazie di cuore a tutti quelli che ci sostengono e che credono in noi …a presto !!!

Palmares della coppia artistico Senior Vico Federica – Laurenzi Andrea:
– Debutto in gara al Trofeo “F. Barbieri” del 2012: 4° classificati
– Campionati Italiani FIHP 2012: 4° classificati
– Campionati Europei – Arnas (Francia) 2012: 4° classificati
– Trofeo “F. Barbieri” 2013: 2° classificati
– Campionati Italiani FIHP 2013 3° classificati

Tags:

  • Show Comments

Rispondi

You May Also Like

il ritiro di Andrea Barbieri

da www.doppioaxel.it Dopo quello della grande Tanja Romano e quello del famoso pattinatore argentino ...