La ballerina del pattinaggio a rotelle, Paola Fraschini campione del mondo.

Ciao Paola dove e quando sei nata?

Sono nata il 25 marzo 1984 e vivo a Genova

Cosa fai nella vita oltre che pattinare?

Sono fisioterapista specializzata in fisioterapia sportiva, ho frequentato un master in psicologia per lo sport, insegno pilates, insegno pattinaggio e la cosa che mi piace di più è montare coreografie!..diciamo che non non mi annoio..:-)

Interessi particolari? 

La danza il teatro e l’arte in generale, in qualsiasi forma ed espressione!

Mi piace viaggiare e conoscere nuove persone che hanno a loro volta interessi particolari, quando ho un po’ di tempo leggo e faccio volontariato!

Quando inizia Paola sui pattini? 

Ho iniziato a pattinare appena sono riuscita a comunicare che volevo i pattini ai piedi..quindi presto!!! Vedevo mia mamma che insegnava agli altri bambini e anch’io volevo essere una di loro!

Chiaramente è iniziato tutto per gioco, poi piano piano si è trasformato nel mio sport, poi in una sfida, infine in una scelta consapevole, voluta e difesa, costruita sempre con passione, energia e determinazione.

Fai anche coppia danza con Marco Brogi ….coppia o solo dance? 

Le ho praticate entrambe e non preferisco una o l’altra, semplicemente le vivo diversamente.

La coppia danza è visivamente più completa, la cosa più bella è la possibilità di condividere con un’altra persona le stesse sensazioni che stai vivendo, sia durante gli allenamenti sia e soprattutto in gara; si crea un feeling particolare col partner, e anche se si è in due bisogna il più possibile fondersi, sia tecnicamente sia come testa. In coppia danza l’intreccio di emozioni si devono perfettamente incastrare per dare al pubblico il 100% di un’unica emozione. In solo dance sei da sola per dare comunque tutto questo…personalmente mi è servito molto imparare a gareggiare singolarmente, quello che oggi credo di possedere, per averlo attraversato col corpo e con il cuore, è la reale esperienza della trasformazione dalla danza alla ricerca di me stessa e del mio ruolo.
Da quanto fai la solodance?

Dal 2004, il mio partner aveva deciso di smettere e mi sono reinvenata singolarista.

Com’è partecipare a un mondiale?

Il Mondiale è il top che un atleta del nostro sport possa raggiungere e mi piace vederlo come una meta di un percorso quotidiano fatto di allenamenti, dedizione, sacrifici, entusiasmo, incontri..

L’esperienza Mondiale è comunque unica, si respirano sensazioni che non esistono in altre gare!

Cosa pensi della divisione dalle donne? Come sarà il futuro della solo dance? 

Assolutamente giusta, nel 2008 avevo deciso che se non avessero separato i maschi dalle femmine avrei smesso di pattinare..l’uomo e la donna sono diversi in tutto, in potenza, forza, eleganza, espressione, hanno una testa diversa…non si possono paragonare! La solo dance ormai non è più una specialità emergente, è una disciplina a tutti gli effetti, ed è in continua crescita anche a livello Mondiale.

Questa specialità dà la possibilità a tutti di fare danza; ormai non è più necessario avere un partner per approcciare la danza!
Hai mai pensato di passare al ghiaccio?

Sinceramente ci ho giusto pensato…ma non l’ho mai fatto!

Paola oggi: allenatore? pattinatore? ballerina? 

Paola oggi è esattamente pattinatrice, ballerina, allenatrice!…ma finchè sono atleta mi piace concentrarmi su questo e far tesoro di tutte le esperienze che il pattinaggio mi può dare, in un futuro spero di poterle passare a chi verrà dopo di me!

Mi piacerebbe inoltre portare il pattinaggio anche un po’ fuori dalla pista, credo che questo sport spettacolare abbia un grosso potenziale di ulteriore crescita!

Pattinatrice idolo?

Da quando sono bambina guardo Katarina Witt…ha una personalità in pista eccezionale!

Quanto conta la “testa” per eccellere nello sport?

Testa, cuore, preparazione fisica! Tre elementi fondamentali per eccellere nello sport!
Chi eccelle nello sport è preparato a superare le difficoltà della vita? 

Credo proprio di si! Lo sport è una palestra di vita; educa, porta al confronto, a una maggiore consapevolezza di se stessi, al sacrificio, alla perseveranza, alla sfida, a rialzarsi dalle sconfitte, a vincere ma ad essere consapevole che con tanta umiltà dal giorno dopo devi ricominciare perchè tutto continua, evolve e non si arriva se non per ripartire…cosi è la vita!

PALMARES
In coppia con Marco Noli (specialità coppia danza):
· 1993-1995: campioni italiani F.I.H.P.
· 1997: Campioni Europei – 1999: vicecampioni europei
· 2001: Campioni italiani F.I.H.P. e vicecampioni mondiali junior
· 2003: 3°class. Campionati Europei cat. Senior

In singolo (specialità Solo Dance):
· 2009: Campionessa italiana e Campionessa del Mondo cat. Senior
· 2010: Campionessa italiana e Campionessa del Mondo cat. Senior
· 2011: Campionessa italiana e Campionessa del Mondo cat. Senior
1° class Gran Prix Padova
Medaglia d’oro al valore atletico

In coppia con Marco Brogi (specialità coppia danza):
· 2010: Campioni europei cat. Senior
· 2011: Campioni europei cat. Senior 1° class. Contest dance Paris

  • Show Comments

Rispondi

You May Also Like

I migliori momenti del campionato di Conegliano by Corbelletti

QUI l’album di foto del campionato italiano show precision 2010 Per richiedere le foto ...

matteo guarise

Matteo Guarise ritrova in Italia il suo futuro

Matteo Guarise, e le sue ultime vicende, le conosciamo tutti. Il campione del mondo ...

Portimao 2010: Hugo Chapouto portabandiera del portogallo

Hugo Chapouto campione del mondo 2009, ci trasporterà nel mondo spettacolare della solo dance ...