Comin de Candido – Morandin: una stagione in ricerca di “emozioni”. La coppia danza Campione d’Italia darà gran spettacolo a #reus2014

Anno lungo, programmi nella solo dance davvero nuovi, come è iniziato il “cambiamento”?
Negli scorsi anni hai presentato comunque programmi abbastanza tradizionali, ripensando a Casanova e alle musiche celtiche…

A me piace molto sperimentare e portare ogni anno un genere diverso… ho sviluppato tra gli altri programmi più “rock” e moderni come la mia interpretazione di Matrix, per passare poi a Charlie Chaplin, Paganini e Black Swan, oltre a quelli che hai gia citato sopra; ho imparato ad apprezzare tante culture musicali diverse e a ballare molti generi diversi.

Quest’anno, insieme a coreografo ed allenatori, abbiamo deciso di confrontarci con qualcosa di veramente innovativo e mai proposto prima. Tutto è partito da una scelta ad inizio anno… un idea era quella di un programma su musiche molto conosciute basato su un personaggio e l’altra si basava invece su una creazione originale senza alcun personaggio o tema, con uno stile contemporaneo, il tutto basato sulle emozioni, molti mi hanno chiesto quale fosse il mio personaggio quest’anno, ma la risposta è semplicemente “le emozioni”! Le emozioni che sono solo un indicazione e che sono percepite in modo differente da persona a persona, quindi il mio personaggio è differente agli occhi di ogni spettatore!

Per questo programma è nata una collaborazione con il compositore americano Drehz che ha creato una composizione davvero particolare basandosi su alcune sequenze di passi,il risultato ottenuto è a mio parere sbalorditivo e lavorare con un professionista di un così alto livello è stata un’ esperienza incredibile.

Al lavoro ormai collaudato con il Maestro Giuseppe Arena, quest’anno è nata una nuova e spettacolare collaborazione con Fabio Sampò tecnico di pattinaggio a rotelle e su ghiaccio con cui abbiamo affinato e inserito nei programmi molti elementi tecnici nuovi .

    

Abbiamo seguito un allenamento di Daniel Morandin e Melissa Comin De Candido alla vigilia della partenza per il mondiale di Reus.
Ezia Signorini li segue attentamente, ma dopo ogni prova l’unica cosa da dire é BRAVI !
“É bello e stimolante allenarli, ci si può concentrare su altro e non sempre ripetere le stesse cose. É un lavoro diverso. Ogni anno prima del mondiale decidiamo di allenarci su piste più dure e tachenti. Se ce la fanno qui ce la fanno ovunque.
Domani li lascio soli perché raggiungo Sara Zaggia a Reus per il suo primo mondiale. Ci teneva tanto a partecipare ed è molto preparata. “

Anche in coppia, notiamo palesemente novità dal punto di vista artistico, con Melissa nel libero ci avete ricordato Pechalat-Bourzat ma nella OD Comin De Candido-Morandin sono sempre più “unici” con una linea, sollevamenti e ricchezza coreografica decisamente distinguibile…
Cosa ne pensate? Come avviene la colllborazione coreografica, che scelte di stile avete fatto?

Per quanto riguarda la coppia volevamo portare qualcosa di spiritoso, movimentato e avere la possibilità di giocare con il pubblico, avendo anche un tema molto serio per quanto riguarda la Danza Originale. Ci siamo staccati molto anche dal tema dell’anno precedente su musiche di Vivaldi e sotto la guida del Maestro Arena abbiamo creato una parodia in cui due mummie si risvegliano dal sonno eterno e si ritrovano in un mondo moderno e totalmente sconosciuto per loro.
Anche qui abbiamo affinato molti elementi tecnici, quali i sollevamenti e le trottole con Fabio Sampò che ha portato una ventatà “ghiaccistica” nei nostri programmi
Entrambi i programmi sono stati costruiti interamente a secco con le scarpe.

Melissa hai vinto 7 mondiali, uno junior, 5 senior e uno in gruppo, dove trovi lo stimolo per andare avanti in questo sport?
Mi sono sempre buttata in cose nuove. Quello che mi piace é il percorso dell’anno agonistico. É ovvio che il risultato interessa e vincere piace a tutti, ma non é il mio scopo primario. Dopo la fine della collaborazione con Mirko Pontello ho fatto un anno di gruppo show con Evolution, ma era una disciplina che non faceva per me e ho deciso di ricominciare un lavoro di coppia a fianco a Daniel.

Com’é il vostro rapporto in pista?
Melissa : io mi arrabbio spesso, ma dopo cinque minuti mi é già passata. Daniel invece è una testa dura.
Daniel : come tutte le coppie alterniamo momenti buoni a momenti un po’ più duri, ma credo sia normale.

Avete riti scaramantici particolari prima delle gare?
Daniel : io ho l’abitudine di provare gli elementi tre volte o comunque di fare qualsiasi cosa per tre. Ci sono quattro scalini? Uno lo salto ! Ho sempre avuto una lunga storia col numero 3 quindi continuo a portarlo avanti. Un’altra cosa : Prima delle gare trovo sempre dei quadrifogli !

Mi piacerebbe vedervi in quartetto, ci avete mai pensato?
No veramente no ! Con chi?
Bassi – Stibilj per esempio?
Sarebbe bello con Silvia e Andrea e magari con l’aiuto di Sandro Guerra. Vedremo per ora gli impegni sono già molti per entrambe le coppie.

Chi é più bravo?
Melissa : IO!
Daniel : IO!

Chi sbaglia di meno?
Melissa : IO!
Daniel : IO! Ti spiego : io sono più preciso sui passi, lei invece sulle teste e sui movimenti. In gara è più brava lei dai!

Chi vince a Reus ?
NOI! 

Cari lettori non dimenticate di passare dal loro sito web ufficiale! www.comindecandido-morandin.com

Tags:

  • Show Comments

Rispondi

You May Also Like

Storia del pattinaggio a rotelle

Su idea di vari lettori e studenti che nel tempo ci hanno chiesto svariate ...